L’estate che finisce lentamente, l’estate che annoia, che crea presupposti. L’estate che annuncia il cambiamento, la mutazione.